Inviato da il
SOCIAL:

Rapporto Usa su Grillo: "Politico credibile, ignorato dai media"

In un documento del 2008, pubblicato da La Stampa, l'ambasciatore americano Ronald Spogli intuisce la portata politica dell'attivismo di Beppe Grillo quando ancora non esisteva il Movimento 5 Stelle. Un attestato di stima che stride non poco con la scarsa considerazione dedicata all'epoca dai media italiani alle iniziative del comico genovese.

Rapporto Usa su Grillo: "Politico credibile, ignorato dai media"

"Grillo populista, Grillo demagogo" era il leitmotiv di quel periodo. Siamo nel 2008 e il comico genovese abbandonava in parte i prosceni dei teatri per abbracciare le folle delle piazze. Il V-Day (Vaffanculo-Day) del 2007 non passò certo inosservato a un tal Ronald Spogli, ambasciatore americano a Roma, che l'anno successivo vergò un lungo telegramma di encomio nei confronti di Grillo indirizzato al Segretario di Stato Condoleezza Rice (*). Il futuro fondatore del Movimento 5 Stelle non era menzionato dal mainstream dell'informazione italiana se non quando i giornalisti erano costretti a parlarne per l'eccezionalità di certe sue iniziative.

 

Al V-Day di Bologna fecero seguito quasi 350 mila sottoscrittori di una legge di iniziativa popolare denominata "Parlamento Pulito" di cui Beppe Grillo era il primo firmatario. Nel rapporto dell'ambasciatore Usa Grillo diventa "un interlocutore politico credibile", nonché "ben informato" e "competente di tecnologia". L'unico, a suo giudizio, capace di individuare con freddo acume le devianze di un sistema politico italiano "autoreferenziale", la cui più grave colpa è quella di essersi lasciato pervadere da un'incurabile corruzione.

 

Il profilo di Grillo è stato tratteggiato dopo un incontro informale fra alcuni membri dell'ambasciata statunitense e lo stesso comico che, tuttavia, non ne ha mai fatto motivo di vanto. Nel telegramma, che sembra un profondo attestato di stima alla persona, si parla di Grillo come di "un commentatore controcorrente sulla corruzione italiana" capace ad esempio di "identificare i problemi contabili di Parmalat assai prima che i dettagli delle irregolarità finanziarie venissero scoperte". Insomma, se Grillo è stato profetico in certe sue intuizioni, altrettanto si può dire degli americani che già cinque anni fa lo accreditavano come un ascendente interlocutore politico.

 

(*) Fonte: Grillo "stregò" l'ambasciatore Usa: "Interlocutore politico credibile", Lastampa.it

Se trovi questo articolo su un blog diverso da "net1news.org" si tratta probabilmente di una copia non autorizzata. L'indirizzo originale di questo articolo è: Rapporto Usa su Grillo: "Politico credibile, ignorato dai media" scritto da .