Inviato da il
SOCIAL:

Niente incidenti, nè carne, ma viaggi spaziali: il mondo del 2062

Nessuno può prevedere con esattezza come sarà o se ci sarà ancora il mondo nel 2062, ma alcune teorie sembrano essere più “avvantaggiate” di altre.

Niente incidenti, nè carne, ma viaggi spaziali: il mondo del 2062

Come cambieranno gli spostamenti.  

Nel 2062 non esisteranno più gli incidenti stradali, perché i nostri velivoli si guideranno da soli. Ci sarà, quindi, un aumento esponenziale dell’intelligenza artificiale, che permetterà ai  mezzi di schivare qualsiasi cosa. In pratica, questi mezzi riusciranno a prevedere ogni incidente prima che questi accada. Altro aspetto importante è che i veicoli pubblici saranno guidati interamente da taxisti robot, un po’ come accade nel filmTotal Recall” (Paul Verhoeven, 1990). Nel futuro, però, l’uomo dovrà orientarsi verso altre fonti di energia che garantiscano al contempo una propulsione ottimale e soprattutto un’emissione di tipo “zero”.  A questo proposito, qualche esperto ha già detto la sua: “Nel futuro verrà utilizzata la geotermia, come unica forma di alimentazione”. La geotermia è un’energia generata grazie a fonti geologiche di calore, e può essere considerata la prima vera forma di energia alternativa e rinnovabile. L’unico pecca sta nel fatto che non è una forma di energia del tutto affidabile, in quanto restituisce forme di natura energetica solo per brevi periodi di tempo. Resta da vedere se l’uomo prenderà una decisione definitiva in merito a un’altra spinosa questione: l’energia solare. A questo proposito, l’astrofisica e divulgatrice Margherita Hack ha recentemente dichiarato: “La fine del mondo non dipenderà dalla fine de sole”. Detto questo, bisognerà pensare seriamente a come trovare un altro combustile degno di tale nome. I ricercatori sono già all’opera. È di poco tempo fa la notizia di un’automobile alimentata interamente ad aria compressa, capace di percorrere migliaia di chilometri con un solo pieno.



Come cambieranno le diete

Con tutta probabilità nel 2062 bisognerà fare a meno della carne. A questo punto potrebbe essere istituita una vera e propria opera di clonazione di massa, sempre che le mucche o i maiali non si siano estinti già. A quanto pare bisognerà dire addio alla macelleria e alla pastorizia.



Come cambierà la vita e lo stile dell’uomo

Nel futuro prossimo gli hard disk saranno impiantati direttamente nel cervello, e permetteranno di conservare moltissimi “tera” di ricordi. Si potrebbe parlare, dunque, di futuro alla “Strange Days” (Kathryn Bigelow, 1995). Quello che è sicuro, però, è che sicuramente nessuno farà più vacanze solo al mare o solo in montagna, perché le varianti saranno ben quattro: da una parte le vacanze al mare o in montagna – se esisterà ancora la montagna – dall’altra la vacanza sulla Luna o su Marte. Qualche scienziato, con la perenne voglia di mettere zizzania, ha così dichiarato: “Se l’uomo andrà sulla Luna, sarà anche la prima volta che ci va”. Qualcun altro, invece, pensa che il viaggiare nello Spazio sarà all’ordine del giorno. I viaggi “last minute” saranno viaggi lunghi interi anni luce. Per quanto riguarda la vita, invece, si prospettano vite molto più lunghe delle media di adesso. Si potrà arrivare tranquillamente a toccare i 200 anni di età. Molto probabilmente, nel 2062, l’età pensionabile salirà fino a 80 anni.



E se invece il mondo finisse prima?

Di recente è stata “coniata” un’altra teoria, forse ancora più distruttiva di quella dei Maya. In questo caso è Isaac Newton a prevedere la fine del mondo per l’inizio del 2060. È il quotidiano israeliano Haaretz a confermarlo: come prove tangibili riporta alcuni documenti presi direttamente dall’archivio della Biblioteca nazionale d’Israele, dove vengono presi in esame alcuni studi che lo stesso Newton avrebbe fatto tra le pagine dell’Antico Testamento. Quello che fece lo studioso è semplice. Partendo dall’incoronazione di Carlo Magno25 Dicembre dell’800 – e leggendo il libro di Daniele che prevedeva la fine del mondo esattamente 1260 anni dopo quella data, Newton non fece che una semplice somma: 2060. Un piccolissimo appunto. La notizia risale al 2003. La BBC, inoltre, promosse addirittura un documentario - “L’eretico nero” - dove l’eretico in questione è lo stesso Newton. La rete lo definì prima un luminare della Scienza, poi un alchimista che studiava letteralmente la Bibbia. In contrapposizione, seppur con un “leggero” difetto temporale, è lo stesso Newton a parlare:  “La Bibbia nasconde un codice segreto che deve essere decifrato”. La sua ipotesi risale al 1704, ed è l’unica teoria di Newton che lo stesso Newton non hai mai voluto pubblicare. L’unica prova tangibile della sua esistenza risiede in un banale foglio di carta, che dice: “2060. Una data che potrebbe essere spostata più avanti nel tempo”.



Elementi insospettabili

L’unica cosa certa è che in questi ultimi anni il valore di un elemento insospettabile è salito alle stelle: il tungsteno, il materiale che sta alla base del funzionamento delle comuni lampadine a incandescenza. Tra il 2010 e il 2011 il suo valore è cresciuto del 30% rispetto all’anno precedente, ed è in continuo aumento. Che sia il caso di conservare i filamenti delle lampadine per il futuro? In tempo, perché dal 2013 usciranno di produzione.



Adesso un po’ di dati

Nel 2062 il triangolo formato da “aumento della popolazione”, “forza economica” e “interesse politico” sarà stretto sugli angoli come non mai. Per il 2062 si prevede un Mondo fatto di 9 Miliardi di persone, divise in modo totalmente diverso da come è oggi. La popolazione europea costituirà solo il 7% di quella mondiale, con 650 Milioni di abitanti. Nella fattispecie, si pensa a un mondo così diviso: le Americhe e l’Oceania costituiranno il 13,5% del totale (1,25 Miliardi di Abitanti), l’Africa il 22% (2 Miliardi), e infine l’Asia con il 57% (5,1 Miliardi). Nel 2062 sarà proprio l’Asia a essere il perno del mondo – o il famoso ago della bilancia - e non più l’America. Sarà lei, quindi, a decidere delle sorti di tutti. All’America, però, andrà l’ingrato compito di essere la prima vera potenza militare. Cina e India come due giganti si spartiranno il predominio su tutto, o meglio, decideranno loro le porzioni dell’intera torta, compreso chi la taglia e chi la serve. L’India, quindi, sarà la vera e propria “star” della festa, riuscendo a superare la Cina in termini di abitanti. Quella che ci attende, in pratica, sarà una specie di nuovo “illuminismo”, o al limite un’altra “Età dell’Oro”, in attesa di scoprire quale metallo pregiato la farà da padrone. In pratica, se fosse una partita di carte, al tavolo ci sarebbero Indonesia, Pakistan, Filippine e India, con quest’ultima che avrà già 3 assi in mano e altrettanti assi nella manica. Gli arbitri dell’incontro saranno Europa e America, e a loro spetterà il compito di controllare lo svolgimento dell’incontro. Un piccolissimo appunto. Incredibile ma vero, sarà l’Africa a portare da bere. Nel 2062, infatti, si prospettano alleanze fino a oggi inimmaginabili. L’Africa avrà un peso demografico enorme, dentro un pesante contesto “politico e sociale”, che sarà a tratti devastante. Si prospettano nuove emigrazioni bibliche, a discapito della povera Europa. La nuova America, a quel punto, sarà proprio l’Africa, e questo fino a che i nipoti di tutti non andranno all’Università obbligatoria. A 15 anni, oltretutto.  


Attenzione! L’articolo non considera le dinamiche microscopiche che potrebbero innescarsi nel corso degli anni. Il testo non tiene in considerazione, quindi, alcuni fenomeni contrapposti e contrastanti: da un lato le guerre e le carestie, dall’altro i fenomeni ambientali come possono essere uragani o piogge pestilenziali. Ma soprattutto, il testo non tiene conto di alcune scoperte scientifiche ancora al momento sconosciute, che potrebbero contribuire a creare qualcosa di veramente grande.

Se trovi questo articolo su un blog diverso da "net1news.org" si tratta probabilmente di una copia non autorizzata. L'indirizzo originale di questo articolo è: Niente incidenti, nè carne, ma viaggi spaziali: il mondo del 2062 scritto da .